mercoledì 2 giugno 2010

Guest Designer: Franca Zammù

Ciao a tutte, è il mio turno per presentare una delle nostre GDT, ho l’onore e il piacere di presentarvi la bravissima Franca!

Per noi ha preparato un progetto molto particolare, innovativo e divertente…

Ma lasciamo parlare lei :

PATCHWORK DI CARTA DI PANE

Questa tecnica è figlia spuria delle “carte ricamate” di Jill Kennedy, argomento di un articolo apparso,tempo fa, su Quilting Art. La definisco figlia spuria perché non parlo l'inglese, pertanto mi ritrovo a sostituire i materiali che non conosco con altri, a mia scelta. E a sostituire i procedimenti che non comprendo, con l'estro del momento.

Ed è anche, per certi versi, parente stretta dei progetti in carta di pane della CAPA in persona, Alessia.

                                                                       Il mio GRAZIE ad entrambe! 

Cosa ci serve?

un foglio di carta di pane, usato e ..raggrinzito

pastelli a cera per bambini

acrilici in vari colori

colla da decoupage (l’ho usata come medium, per eliminare un po’ di scorte inutilizzate)

un po’ di carta forno

telina termoadesiva (altrimenti detta FISELINA): si compra in merceria ed è reperibile praticamente ovunque. E’ importante che NON sia biadesiva!!!

clip_image002

 

Divido in quattro il foglio di carta di pane: decoro i foglietti con i colori a cera, scegliendo disegni semplici. Nella scelta dei colori, tengo presenti gli acrilici che ho intenzione di usare: i disegnini si dovranno intravedere, per cui scelgo colori a cera in contrasto .

clip_image004

 

Preparo le mie “tavolozze” con gli acrilici che ho scelto: turchese, verde lime, fucsia, giallo e lilla (a me piacciono i colori!!!). Li diluisco con la colla per decoupage. Per la quantità mi regolo così: se l’acrilico è mediamente coprente, basta diluirlo al 50%. Se è molto coprente, ne aggiungo un po’ di più.

clip_image006

 

Dipingo i mie foglietti senza curarmi troppo che le pennellate siano precise, anzi, passando da un colore all'altro, pulisco sommariamente i pennelli per creare sfumature. Se il colore risulta troppo carico, aspetto un paio di minuti e lo alleggerisco con una salvietta umida.

clip_image008

clip_image010

 

Aspetto che il tutto si asciughi (diciamo mezz’oretta)

Preparo l’asse da stiro e accendo il ferro A SECCO alla massima temperatura. Dispongo sull’asse il foglio di carta forno, grande abbastanza da poterlo ripiegare sul mio foglietto decorato. Sopra la carta forno, metto un pezzo di tela adesiva, con il lato adesivo verso l’alto (si riconosce perchè luccica!), e vi poggio il foglio di carta di pane.

clip_image012

 

Richiudo il tutto con un lembo di carta forno e stiro, mantenendo  il ferro sulle varie zone del foglio , per alcuni secondi. La carta forno evita che il ferro diventi appiccicoso (e che il copriasse sia da buttare...).

clip_image014

 

Ecco i miei foglietti, alla fine della stiratura:

clip_image016

 

e come si presentano sul rovescio:

clip_image018

 

Li taglio a pezzettini di diverse dimensioni

clip_image020

 

e li assemblo come un patchwork su un pezzo di tela adesiva: ne ho scelto uno grande abbastanza perchè ho intenzione di farne un quadernino. Rifaccio il mio sandwich: carta forno, telina, carta di pane, carta forno, e stiro.

clip_image022

 

Il mio patchwork ha un’aria decisamente troppo stirata…

clip_image024

 

Accartoccio e ristiro: ripeto questa operazione un paio di volte, per un risultato più vissuto.

clip_image026

 

E adesso…. si CUCE!!! Rifinisco i margini del mio foglio, tagliando via gli eccessi di telina. Con filo colorato e zig-zag faccio cuciture un po’ a caso. Cambio colore, cucio. Cambio punto, cucio…. Se sono paziente, aggiungo anche piccoli punti a mano, con filo moulinè.

clip_image028

 

Quando il foglio ha un aspetto sufficientemente “trapuntato”, è pronto per essere usato ( o quasi..). Come?

La copertina di un quadernino o di un album, sfondi per ATC o paginette (l’ho usato per il guest book del PACS)!

clip_image030

clip_image032

Il risultato varia molto in base alla scelta dei colori; con colori soft e tinte neutre trovo che l'uso di un po' di Perfect Pearl dia un tocco in più.

Ringrazio le "cape" di SCC per avermi ospitato, mi auguro di avervi trasmesso almeno un po' di voglia di pasticciare.  

11 commenti:

rosyscrap ha detto...

io sono una fortunella che ha potuto vederlo dal vivo perchè franca è una forza della creatività

Simona ha detto...

wow, Franca è meraviglioso!!!! Grazie per aver condiviso con tutte noi :-)!!!

mariella ha detto...

bellissimo!!!!!

Beta ha detto...

Ma che bello! Grazie per averci rivelato i tuoi segreti... sei davvero bravissima!

Francesca ha detto...

wow, fantastico!

Fiorella ha detto...

Senza parole!!!

Anonimo ha detto...

caspita!!! complimenti e grazie!!! anita

Gio ha detto...

Che idea!! Per me e' nuovissima e vorrei tanto provarla!

Lisanna ha detto...

OMG!!! ma questo tutorial è stupendo..

Micaela ha detto...

wow swnza parole!!!!!!!!!!!!semplicemente fantastico!

zammù ha detto...

.. certo che mi fa uno strano effetto "vedermi" qui...
Grazie a tutte :)) Se servono chiarimenti, chiedete pure!

Posta un commento